LA PROFONDITA’ DELLE VISCERE

 
 
 
  "C’è un detto giapponese che recita: "QUANDO  UN  BAMBINO  MUORE, I  CONOSCENTI  SOFFRONO  CON  LA  TESTA,  GLI  AMICI  CON  IL  CUORE, LA  MADRE,  CON  TUTTA  LA  PROFONDITA’  DELLE  SUE  VISCERE…."
 
  C’è un vecchio ricordo che ogni tanto si riaffaccia alla mia mente….Qualche anno fa, a Parigi, andai con Rita e Diego a vedere un famoso film di Pedro Almodovar in lingua originale.
Si trattava di  "TODO  SOBRE  MI  MADRE" , un vero capolavoro.
Al ritorno, a casa di Rita ,ci scambiavamo ancora turbati le nostre impressioni….E ad un tratto io sentii di aver trovato l’espressione giusta per tradurre le mie emozioni, e dissi:
 
" Durante la scena in cui la madre vede morire il figlio sotto i suoi occhi travolto da una macchina,
io mi sono sentita strappare l’utero….."
 
 
Solo molto tempo dopo, leggendo quel detto giapponese mi sono ricordata  dell’emozione  violenta…fisica…
 che avevo avvertito, e che ho ritrovato
in altre situazioni  della mia vita.
 
 
  Ho piantato il basilico e i pomodori sul mio terrazzo…Così a poco a poco ,anche i frutti
accompagneranno i fiori.
E sarò io ad accompagnare tutti loro giorno per giorno, come si fa con un figlio che cresce dentro di noi…e poi fuori di noi…accanto a noi.
 
  Come dice Susanna Tamaro in "Più fuoco, più vento"
"La visceralità deve cominciare a vivere come attenzione, vigilanza amorosa verso la vita interiore e tutto ciò che ci circonda , avendo a modello la madre che accoglie il figlio e lo genera ,e in tal modo dà vita alla luce vera, quella che illumina
d’amore ogni uomo…"
 
 
 
  " Ogni volta in cui crescendo avrai voglia di cambiare le cose sbagliate in cose giuste,ricordati che la prima rivoluzione da fare è quella dentro se stessi,la prima e la più importante. Lottare per un’idea senza avere un’idea di sè
è una delle cose più pericolose da fare.
La strada della pace non nasce dall’opporsi, ma dal mettersi in cammino. Solo nel momento in cui decido di attraversare le tenebre del mio cuore,posso affrontare la profondità del cambiamento perchè, ad un tratto.scopro che il male non è al di là della barricata,in un nemico visibile, ma è in me, respira con me, si muove in me, dorme e si sveglia con me…."
S. Tamaro
 
 
 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: